Bonus ristrutturazione 2018: tutto ciò che c’è da sapere sulle detrazioni fiscali

//Bonus ristrutturazione 2018: tutto ciò che c’è da sapere sulle detrazioni fiscali

Bonus ristrutturazione 2018: tutto ciò che c’è da sapere sulle detrazioni fiscali

Cos’è e come funziona il bonus ristrutturazione?

Grandi novità in arrivo per le detrazioni fiscali sulla casa grazie alla Legge di Bilancio 2018.
Ma andiamo con ordine e vediamo in dettaglio in cosa consiste questo bonus per i lavori di ristrutturazione edilizia.

Con l’approvazione del testo ufficiale della legge di Bilancio 2018 sono state finalmente confermate quelle che, fino a poco fa, erano solo proposte legislative. Anche per il 2018 saranno valide le agevolazioni per ristrutturazioni e lavori in casa che hanno caratterizzato il 2017 e novità assoluta l’inserimento del nuovo bonus verde 2018 per giardini, terrazzi e balconi anche condominiali.

Il disegno di legge di Bilancio 2018, ha prorogato le detrazioni per un altro anno: fino al 31 dicembre 2018 si potrà quindi continuare ad usufruire della detrazione del 50% sui lavori di ristrutturazione.
Ciò vuol dire che sarà possibile detrarre dall’Irpef il 50% delle spese sostenute per lavori di manutenzione ordinaria solo su parti comuni di edifici residenziali, straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria.

Il limite massimo per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici condominiali è di 96mila euro e la detrazione viene ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Quali sono le spese ammesse

Ad usufruire della detrazione anche i lavori sugli immobili danneggiati dalle calamità naturali, l’acquisto e la costruzione di box auto, l’eliminazione delle barriere architettoniche, la cablatura degli edifici e il contenimento dell’inquinamento acustico, gli interventi per la prevenzione degli illeciti, l’acquisto e l’installazione di impianti fotovoltaici, l’adozione di misure antisismiche, la bonifica dall’amianto, gli interventi anti-infortunio e l’acquisto di immobili ristrutturati.

Tutti i pagamenti devono avvenire tramite bonifico bancario o postale da cui risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o il numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

Il diritto di poter fruire del bonus ristrutturazione nel 2018 è per tutti i contribuenti assoggettati all’IRPEF o all’IRES che siano residenti o no, in Italia.

La detrazione del 50% sull’Irpef o Ires, spetta però non solo al proprietario dell’immobile ma anche al titolare del diritto di godimento e da quanti pagano le spese, per cui anche al:

  • familiare convivente;
  • il coniuge separato qualora assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato.

Chi ha diritto al Bonus ristrutturazioni 2018?

  • proprietario
  • nudo proprietario
  • titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • locatario o comodatario
  • socio di cooperative divise e indivise
  • l’imprenditore individuale

soggetto che produce redditi in forma associata, per cui società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari, alle stesse condizioni previste per l’imprenditore individuale.

Il bonus ristrutturazione spetta anche in caso di preliminare di vendita a chi ha acquistato l’immobile se:

  • è entrato in possesso dell’immobile
  • esegue i lavori di ristrutturazione a proprio carico
  • è stato regolarmente registrato il compromesso

Inoltre bonus ristrutturazione 2018 spetta anche a chi esegue i lavori sull’immobile da solo, in questo caso si ha diritto alla detrazione delle spese di acquisto dei materiali edili.

Come richiederlo

Il contribuente interessato a fruire della detrazione Irpef al 50% delle spese sostenute per la realizzazione degli interventi di ristrutturazione deve innanzitutto pagare le spese tramite bonifico bancario o postale, conservare tutta la documentazione e calcolare la detrazione spettante che dovrà poi essere indicata nella dichiarazione dei redditi successiva all’anno in cui si è effettuata la spesa, insieme ai dati catastali dell’immobile.

I documenti necessari da conservare e presentare in caso di controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate sono i seguenti:

  • domanda di accatastamento dell’immobile
  • ricevute di pagamento IMU
  • per i lavori condominiali: delibera dell’assemblea per l’esecuzione dei lavori e tabella della ripartizione delle spese
  • dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori;
  • concessioni, autorizzazioni allo svolgimento dei lavori o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà indicante data di inizio dei lavori e compatibilità con le spese ammesse al Bonus ristrutturazioni.

 

By | 2017-12-20T12:35:38+00:00 dicembre 20th, 2017|Categories: News|Tags: , , , , |0 Comments